Stanotte l’ho sognata. Sul volto della mamma tante rughe quanti sono stati gli anni vissuti insieme a lei. Eppure, in ogni ruga leggo il respiro di un’età immortale, la freschezza di un sentire innocente, la pulizia di un’esistenza fertile, la leggerezza intima che oggi mi separa da lei.

Scarica il documento