brembana2«Non si può separare la Pace dalla Libertà perché nessuno può essere in Pace senza avere Libertà». È questo il pensiero che ha guidato la giornata di incontri ed eventi promossa domenica 21 settembre dalla Tavola della pace Valle Brembana al Palasport e al Parco del Grand Hotel di San Pellegrino Terme, nel bergamasco, per festeggiare il decennale della fondazione del gruppo. Organizzato in collaborazione con Il Fatto Quotidiano, è stato un appuntamento ricco di confronti e riflessioni sull’urgenza, oggi ancor più evidente, di un rinnovato impegno nella diffusione del messaggio e della pratica nonviolenti per affrontare le situazioni di conflitto.

Anche di questo si è parlato nel dibattito “Facciamo (la) pace. La forza della nonviolenza”, cui ha partecipato Amico Dolci, presidente del Centro per lo Sviluppo Creativo Danilo Dolci, insieme a don Albino Bizzotto dei Beati Costruttori di Pace, Egidia Beretta, madre dell’attivista Vittorio Arrigoni, ucciso a Gaza nell’aprile 2011, e il vignettista Vauro. A moderarlo, i giornalisti Daniele Biella di Vita e Stefano Citati de Il Fatto Quotidiano. Al centro del dialogo, la riflessione su “come far rivivere il movimento per la Pace”. Ma nel corso della giornata si è parlato anche degli altri temi che hanno contraddistinto i dieci anni di attività della Tavola della pace Valle Brembana, dall’eredità della lotta partigiana all’impegno antimafia, dai diritti delle donne alla solidarietà, senza trascurare la questione chiave della libertà d’informazione.

Sito ufficiale del Centro Sviluppo Creativo Danilo Dolci