Spesso sentiamo dire che il nostro mondo e le nostre società sono sempre più divise, che le disuguaglianze economiche e sociali sono in aumento e che i progressi tecnologici, insieme ai loro numerosi aspetti positivi, hanno anche molti svantaggi. Di conseguenza, ci troviamo di fronte ad alcune nuove sfide a cui talvolta non riusciamo a rispondere da adulti. In tutto questo, anche il ruolo del sistema educativo non è del tutto chiaro, lasciando gli insegnanti e gli altri educatori impreparati a rispondere a queste sfide e a stare al passo con una società e un ambiente in evoluzione.

Con questa presunzione in mente, la conferenza finale del progetto Start the Change: Embracing differences through Intercultural Education and Volunteering intendeva riunire esperti, educatori, insegnanti e studenti provenienti da Regno Unito, Italia, Slovenia e Croazia per discutere le difficoltà che gli educatori incontrano nel lavorare con i giovani nel mondo di oggi e per condividere i risultati del progetto biennale.

La conferenza finale si è svolta il 23 novembre 2018 a Zagabria (Croazia). Circa 120 partecipanti si sono uniti alla conferenza e hanno partecipato attivamente a diverse sessioni, panel e workshop. La nostra organizzazione ha presenziato insieme a 4 insegnanti provenienti dal liceo classico “Vittorio Emanuele II” e dell’Istituto comprensivo “Casserà-Guida” di Partinico.

La conferenza si è tenuto nella sede dell’Associazione Giornalisti di Zagabria, ed è stato programmato per una giornata intera, dalle 9:30 alle 17:00, pranzo compreso.

La conferenza è iniziata con le aperture ufficiali del presidente del consiglio di amministrazione del Forum (coordinatore del progetto Start the change), e comprendeva lezioni di diversi esperti, come un key-note speaker Michalis Kakos dell’Università di Leeds Beckett, Regno Unito sulla democrazia nell’educazione, Manju Patel-Nair dal Regno Unito sul pensiero critico e l’educazione globale nell’educazione giovanile, e Bojana Ćulum Ilić sull’importanza dell’educazione civile per gli insegnanti. All’ordine del giorno c’erano inoltre due panel, uno con studenti e uno con insegnanti e project manager, sull’impatto del progetto per coloro che vi hanno partecipato. Tutti gli insegnanti e gli studenti presenti hanno anche avuto il cambiamento per spiegare meglio i loro progetti locali e ascoltare altre esperienze durante il Project Market, che ha presentato poster di insegnanti e studenti partecipanti sul loro progetto locale.

La conferenza si è conclusa con un tocco più pratico, durante i workshop. I partecipanti sono stati divisi in 4 workshop su diversi argomenti, organizzati dai partner del progetto. Per saperne di più sulla conferenza finale e vedere le impressioni fotografiche, si veda qui: https://startthechange.net/the-final-conference-start-the-change/

 

La conferenza è stata percepita molto positivamente dai partecipanti. Una valutazione finale ha mostrato un alto livello di soddisfazione e anche durante la giornata, gli insegnanti e le altre parti interessate sono stati interessati, ispirati e toccati dal contributo dei docenti, degli studenti e dai contributi dei partner. Gli insegnanti italiani sono stati molto soddisfatti della conferenza, elogiando le interessanti lezioni, workshop e conversazioni con altri insegnanti durante la giornata.

Durante la conferenza è stato distribuito il libro delle buone idee. Per vedere la versione online, guarda qui: https://startthechange.net/book-of-good-ideas-school-projects-promoting-social-justice-diversity-and-critical-thinking/

Start the Change ha l’obiettivo di promuovere nelle prime fasi di apprendimento i valori di benessere psicologico, sviluppo emotivo, senso di comunità, identità e cittadinanza attiva con l’obiettivo di contrastare il fenomeno della radicalizzazione tra i giovani. Il progetto è finanziato dal Programma Erasmus+, KA3 – Sostegno alla riforma delle politiche .

Il partenariato di Start the Change si compone di quattro organizzazioni in Europa:

Per saperne di più sul progetto Start the Change, visita il nostro sito startthechange.net, o scrivi a vidjaya.thelen@danilodolci.org.

Sito ufficiale del Centro Sviluppo Creativo Danilo Dolci