Educazione inclusiva per minori migranti: ROBIN e i suoi risultati finaliPiù di 600 educatori formati in 5 Paesi, un manuale con 9 moduli formativi e più di 40 attività utili a rafforzare le competenze degli operatori, insegnanti ed educatori che lavorano con minori con background migratorio: questi i risultati finali di ROBIN che sono stati presentati il 19 ottobre 2017 durante la conferenza finale del progetto a Vienna (Austria).

Sono stati due anni di lavoro intenso e produttivo per i partner provenienti da Italia, Spagna, Bulgaria, Romania e Austria che si sono impegnati a livello locale per l’inclusione dei minori con background migratorio nel sistema scolastico e in generale nella società, prevenendone l’abbandono scolastico attraverso lo sviluppo di una nuova metodologia di apprendimento.

ROBIN nasce dall’iniziativa della Fondazione Terre des Hommes Romania che sostiene l’educazione come strumento fondamentale per evitare il rischio di vulnerabilità, esposizione all’abuso, sfruttamento e tratta dei minori migranti.

Come risposta al crescente livello di abbandono scolastico, infatti, molti Paesi dell’UE hanno sviluppato programmi della seconda opportunità.  Secondo le raccomandazioni contenute nel rapporto UNICEF Early school dropout: causes and possible ways to prevent it (2009), la flessibilità dei programmi della seconda opportunità dovrebbe essere aumentata, includendo anche attività extra curriculari, artistiche e sportive, così come progetti e programmi inclusivi che mirino a ridurre la marginalizzazione dei minori con background migratorio.

All’interno di questa cornice si è sviluppato il progetto ROBIN che, per assicurare che i minori completino il loro percorso educativo, ha fornito ad oltre 600 insegnanti ed educatori coinvolti in programmi della seconda opportunità strumenti utili ad aumentare la loro capacità di supportare il suddetto target come:

  • una ricerca approfondita sullo stato dell’arte nei 5 paesi partner per analizzare in maniera comparata come viene inteso il concetto di Seconda Opportunità;
  • un’analisi dei bisogni a livello locale che ha coinvolto più di 350 tra insegnanti, educatori, operatori sociali, esperti, policy makers e altri stakeholders;
  • una metodologia di apprendimento integrata che offre loro strumenti e metodi per rispondere in maniera appropriate ai bisogni educativi degli studenti;
  • un manuale finale, testato e implementato in 5 cicli formativi di 3 giorni ciascuno in ognuno dei paesi partner. È una risorsa utilissima, ricca di spunti e strumenti che possono facilitare il lavoro con i giovani migranti a rischio di abbandono scolastico

ROBIN – Reinforcing cOmpetences to Build Inclusion through a New learning methodology  è un progetto finanziato dal programma Erasmus+ Azione chiave 2 – Partenariati strategici nel settore dell’educazione degli adulti con l’obiettivo di prevenire l’abbandono scolastico dei minori migranti, rafforzando le competenze personali, sociali, tecniche e metodologiche del personale che lavora con loro, per favorirne un’effettiva integrazione sociale.

Il partenariato di ROBIN è composto da:

Per maggiori informazioni sul progetto, scrivi a marta.orozco@danilodolci.org.

Tags:
Sito ufficiale del Centro Sviluppo Creativo Danilo Dolci