P2T – COMMUNITY – PARENT INVOLVEMENT OF MIGRANT CHILDREN

Il progetto

P2T – COMMUNITY – PARENT INVOLVEMENT OF MIGRANT CHILDREN

N° di progetto

Date di realizzazione

01/09/2022 – 31/08/2024

Istituzione finanziatrice

Erasmus+ KA2 – Cooperation partnerships in Adult Education

Categorie

Info & contatti

giulia.dannibale@danilodolci.org

Social Media

Descrizione del progetto

Negli ultimi anni, in tutte le scuole europee è aumentato il numero di studenti provenienti da diverse parti del mondo. Le aule sono, infatti, sempre più popolate da alunni immigrati e rifugiati di varia estrazione etnico-culturale, religiosa e linguistica.

Sebbene la maggior parte dei genitori migranti/rifugiati sia molto motivata a sostenere il successo scolastico dei propri figli, spesso in questo percorso è costretta ad affrontare ostacoli sia linguistici che culturali. È stato dimostrato da alcune ricerche internazionali che il divario di prestazioni tra studenti con e senza un background migratorio è molto elevato, anche a causa delle difficoltà esperite dai genitori migranti/rifugiati nel supporto scolastico dei propri figli. Il coinvolgimento dei genitori è fondamentale per la buona riuscita scolastica degli alunni, ha un impatto positivo sul proseguimento dell’istruzione e comporta una riduzione del tasso di abbandono scolastico.

Per tali ragioni il progetto “P2T COMMUNITY – Parent involvement of migrant children” ha come obiettivo l’inserimento e l’inclusione all’interno del contesto scolastico di genitori migranti/rifugiati. Le scuole dell’infanzia e primarie possono divenire vie d’accesso all’integrazione, luoghi in cui esercitare la propria conoscenza della lingua, scambiando opinioni con insegnanti e altri genitori.

Il progetto, dunque, mira a migliorare le competenze di questi genitori, consentendo loro di supportare meglio l’apprendimento dei propri figli e di collaborare efficacemente con il personale scolastico per integrarsi nella comunità locale. Inoltre, P2T-COMMUNITY si prefigge di formare gli insegnanti delle scuole, aumentando le loro competenze in ambito relazionale e interculturale, organizzando incontri dal vivo e fornendo loro strumenti e formazione su come interagire e comunicare al meglio con genitori migranti/rifugiati.

Attività

  • Ricerca ed analisi delle politiche locali, nazionali ed europee sul coinvolgimento ed inclusione dei genitori con background migratorio.
  • Realizzazione di interviste con esperti del settore scolastico.
  • Organizzazione di Focus group e tavola rotonda con insegnanti provenienti dai 5 paesi partner.
  • Realizzazione di workshops creativi con genitori migranti/rifugiati.
  • Sviluppo di un manuale con le attività e metodologie sperimentate durante i workshops.
  • Preparazione di eventi miranti a diffondere il progetto a livello locale e internazionale.

Risultati

  • Report contenente le buone pratiche individuate in ambito educativo a livello locale e internazionale su: a) coinvolgimento dei genitori con background migratorio nelle scuole della prima infanzia e primarie nei paesi partecipanti; b) le relative politiche e pratiche nazionali, regionali e locali ed iniziative sulla loro inclusione scolastica.
  • Manuale metodologico sulle attività realizzate nei workshops e le buone pratiche raccolte durante l’implementazione, così da permettere la replicazione di tali attività nel lungo periodo. 
  • Community of Practice – piattaforma online con materiali, risorse e buone pratiche raccolte durante il progetto, uno spazio virtuale che consentirà al network creato di rafforzare il proprio expertise, traendo ispirazione dall’implementazione in ogni comunità locale coinvolta.
  • 75 genitori migranti/rifugiati acquisiranno nuove e utili informazioni riguardo al sistema scolastico nazionale, riuscendo così a supportare meglio l’apprendimento dei propri figli e rafforzando le proprie competenze linguistiche e digitali.
  • I figli dei genitori migranti/rifugiati riceveranno indirettamente i benefici del progetto tramite un impatto intergenerazionale.
  • 8 workshops con genitori migranti/rifugiati verranno pianificati nelle scuole dell’infanzia e in quelle elementari.
  • 15 insegnanti provenienti dai paesi partner avranno la possibilità di incontrarsi in 1 focus group internazionale per confrontarsi sul tema.
  • Più di 20 organizzazioni e 50 genitori ed esperti dell’ambito educativo parteciperanno alla Community of Practice e al network locale in ogni paese partner.
  • 5 Eventi di promozione delle attività a livello locale e internazionale verranno organizzati in tutti e 5 i paesi partner, per un totale di 200 persone raggiunte in tutto il partenariato.

Partner